FABIO UGUCCIONI ARCHITETTO

 

Viale delle Province, 8

61037 Marotta Mondolfo (PU)

Tel. (+39) 328 31 59 776

E mail: info@fabiouguccioniarchitetto.com

PEC: fabio.uguccioni@archiworldpec.it

C.F. GCC FBA 73P24 L219V

P.I. 02145270415

fabio uguccioni architetto


facebook
pinterest
instagram
© fabiouguccioniarchitetto2019
About me

Gallery

Contattaci

via mail mrfred1013@gmail.com,

o per telefono +39 328 3159776 

Riqualificazione e valorizzazione dell’area archeologica del Ponte San Vito. Rimini (RN).
Parco pubblico.
Il progetto prevede la realizzazione di nuovi percorsi all'interno dell'area in modo da rendere fruibile la vista del resti archeologici e favorire la sosta.
In particolare verrà recuperato il percorso della vecchia via Emilia che ha inizio dal sagrato della chiesa. 

Il progetto si muove con rispetto verso l'area archeologica, permettendo di circolare a distanza attorno alle rovine del ponte che saranno recintate da una staccionata in legno. 
Il parco quindi si pone come palinsesto di attività possibili, ove l'inserimento di alcuni spazi di sosta attrezzati rende possibile la percezione dell'atmosfera del luogo e a connettere il parco con il territorio circostante.

sezb_placeàmanger.jpegseza_verslefond.jpeg8.jpegimg_20220518_142303%20(1).jpeg15.jpeg4.jpeg13.jpeg1.jpeg3.jpeg
6.jpeg02.img_20180620_12590402.4.sezb_placemanger02.69.img_20160907_07405902.71302.6502.6802.6402.62.027
Il giardino di Elisabeth. Uccle (Belgium).
Giardino residenziale.​

Nell'ambito della ristrutturazione di una casa isolata su lotto, tipica della cintura urbana di Bruxelles, il progetto del giardino privato crea nuove relazioni con il paesaggio residenziale tra geometrie rigorose e una palette vegetale contemporanea.​

Lo spazio è articolato in “stanze” in successione dal carattere differente : il prato, la 'place à manger', l'area relax e l'area gioco.

Le differenti “stanze” sono separate da una serie di “aiuole filtro” ricche di fioriture che interrompono la vista longitudinale e invogliano a proseguire con lo sguardo fino al fondo del giardino aumentando la complessità della composizione che guida l'esperienza del giardino.

Il giardino è stato pubblicato sul n. 5 della rivista "Giardino Italiano" 2018, editore Paysage.

02.6603_anthea_sanvito_vista3.lt.jpeg03_anthea_sanvito_vista1.lt.jpeg20220722_115616.jpeg20220722_123321.jpeg20220804_101535.jpeg
Le Jardin d'Elisabeth. Uccle (B).
Giardino residenziale.
Il giardino di Elisabeth. Uccle (Belgium).
Giardino residenziale.​

Nell'ambito della ristrutturazione di una casa isolata su lotto, tipica della cintura urbana di Bruxelles, il progetto del giardino privato crea nuove relazioni con il paesaggio residenziale tra geometrie rigorose e una palette vegetale contemporanea.​

Lo spazio è articolato in “stanze” in successione dal carattere differente : il prato, la 'place à manger', l'area relax e l'area gioco.

Le differenti “stanze” sono separate da una serie di “aiuole filtro” ricche di fioriture che interrompono la vista longitudinale e invogliano a proseguire con lo sguardo fino al fondo del giardino aumentando la complessità della composizione che guida l'esperienza del giardino.

Il giardino è stato pubblicato sul n. 5 della rivista "Giardino Italiano" 2018, editore Paysage.

Le Jardin de Elisabeth. Bruxelles (B).
​Giardino residenziale.

Nell'ambito della ristrutturazione con ampliamento di una casa isolata su lotto dalla forma allungata, tipica, della cintura urbana di Bruxelles, un giardino privato crea nuove relazioni con il paesaggio residenziale tra geometrie rigorose e una palette vegetale contemporanea.

La struttura del giardino, è stata pensata in modo che la lunghezza venisse mitigata da una serie di linee d'orizzonte trasversali legate all'articolazione dello spazio in stanze in successione dal carattere differente: il prato, la 'place à manger', l'area relax e l'area gioco.

Compito della palette vegetale è quello di integrare la vegetazione tipica dei giardini belgi, ricca di piante acidofile, e dare all'insieme un carattere di contemporaneità e coerenza nell'impiego delle specie vegetali.

 

20220804_100911.jpegsezb_placeàmanger.jpegseza_verslefond.jpeg15.jpeg3.jpeg6.jpeg13.jpeg8.jpeg1.jpeg4.jpeg
img_20220518_142303%20(1).jpeg1575292943822_2611575292969782_256254img_20170718_081416img_20170329_094654img_20170706_094529267
Ampilamento sede della Croce Rossa Italiana Comitato Locale Marotta Mondolfo (PU).

Progetto per l'ampliamento della sede della C.R.I. locale, realizzato in collaborazione con l'Arch. Fabiano Zigliani.

L'addizione, che ospita servizi ambulatoriali e riabilitativi tra cui una piscina fisioterapica, si accosta in evidente contrasto con l'edificio esistente.

Si tratta di un volume modulato tra le grandi vetrate, che lasciano intravedere il rapporto con il vecchio edificio, e un volume muto, scandito da una serie irregolare di finestre.

Il ritmo delle aperture delle facciate intonacate restituisce all'interno frammenti del paesaggio della campagna circostrante. Frammenti che si ricompongono nella trasparenza delle grandi vetrate strutturali che aprono il nuovo volume al paesaggio.

 

fabio uguccioni architetto
img_20171023_143049img_20190617_10365902.4.sezb_placemanger02.img_20180620_12590402.69.img_20160907_07405902.71302.6802.6502.6402.66
Natura verde Country house. Senigallia (AN).
Giardino per il turismo.
Il progetto ha previsto la realizzazione di un giardino con la sistemazione degli espazi esterni e della piscina di una casa vacanze incastonata nelle meravigliose colline alle spalle di Senigallia.
Il giardino accompagna gli ospiti guidandoli ai piani rialzati che salgono fino ad una pineta preesistente.
Il design delle scarpate, con attenzione alla composizione di piante perenni, graminacee e piante tipiche del territorio, contribuisce a valorizzare le viste delle colline circostanti.
Il giardino è stato pubblicato sul n. 8 della rivista "Giardino Italiano" 2021, editore Paysage.

 

02.62.027img_20200731_094200img_20190613_10193405.img_20180622_113217lt05.img_20180622_112612ltimg_20200731_09575805.naturaverde-countryhouse28img_20180622_114330img_20200731_09530905.img_20180915_11043720220814_115724.jpeg
20220814_115810.jpeg1560851576608_img_20190617_103659img_20180925_152022img_20170928_151119img_20190410_131742img_20170720_123346
Parco degli Angeli. Pesaro (PU).
Progetto di un giardino residenziale urbano.
Il parco è caratterizzato da una struttura di percorsi pedonali in porfido e calcestruzzo architettonico che corrono lungo le aree verdi.

Il progetto del verde sottolinea l'andamento est-ovest dei percorsi creando un “fiume verde” di piante perenni e arbusti da fiore che attraversa l'area.

In particolare la grande aiuola centrale è pensata come un pattern costituito da una dozzina di specie vegetali che con l'alternarsi delle fioriture cambiano lo scenario del parco sottolineando le stagioni e mantenendo l'interesse del giardino per tutto l'arco dell'anno.

Progetto architettonico dello studio Rossiprodi associati.

 

Al giardino segreto. Gradara (PU).
Giardino e dehor sotto il Castello.
Il giardino del bar gastronomico “Al Giardino Segreto”, nel cuore del rinomato borgo medievale di Gradara, Borgo dei borghi 2018, si appoggia alle mura del Castello offrendo spendide viste del paesaggio circostante.

Il giardino è stato progettato secondo i criteri dell'eco-sostenibilità per i materiali e della bio-diversità per le specie vegetali che ne compongono le aiuole. 

L'intervento ha riguardato la sistemazione del giardino, e dei tre terrazzamenti lungo le mura con la creazione di nuovi spazi di sosta, dehor del locale, aree di sosta, siepi, aiuole ed un orto con una più esplicita vocazione didattico-ricreativa.

Il giardino è stato pubblicato sul n. 7 della rivista "Giardino Italiano" 2020, editore Paysage.

 

img_20170928_151142img_20200731_08430306.img_20180718_16161906.img_20180718_154056img_20170626_115223img_20190501_154756
Le Terrazze del Lisippo. Fano (PU).
Passeggiata paesaggistica.
Il progetto ha riguardato la riqualificazione della passeggiata urbana nel porto di Fano.
​La sistemazione del percorso sopraelevato ha previsto la realizzazione di una serie di terrazze panoramiche a sbalzo sugli scogli, da cui ammirare la spiaggia della città ed il suo mare.
La struttura della terrazza, in acciaio brunito, ricorda la carena delle imbarcazioni attraccate al porto, evocando la tradizione navale del territorio. La serie di pali in legno, che ritma la passeggiata, riecheggia gli alberi delle barche a vela ormeggiate  sul porto canale.

 

img_20170626_124708img_20191005_1613372img_20170706_110434img_20170706_111810img_20170706_110327img_20191005_160902
Ampliamento della sede della C.R.I. Marotta Mondolfo (PU).
Progetto edilizio.
Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo fabbricato appoggiato all'edificio esistente.L'ampliamento si pone in contrasto con l'estetica dell'edificio esistente attraverso un volume bianco contraddistinto dalla modulazione di pieni e vuoti sulle facciate che segna fortemente il paesaggio circostante.
L'ampia parte vetrata trasparente evidenzia l'innesto tra il nuovo volume e l'edificio preesistente.
La nuova sede ospita un centro fisioterapico con piscina e ambulatori medici.
75587510_2436141043372401_4059627943154941952_oimg_20170706_094529.jpeg261.jpeg272.jpegmax_2838-2048x1365.jpeg256.jpegimg_20171023_143049.jpeg254.jpeg
Ampliamento della sede della C.R.I. Marotta Mondolfo (PU).
Progetto edilizio.
Il progetto prevede la realizzazione di un nuovo fabbricato appoggiato all'edificio esistente.L'ampliamento si pone in contrasto con l'estetica dell'edificio esistente attraverso un volume bianco contraddistinto dalla modulazione di pieni e vuoti sulle facciate che segna fortemente il paesaggio circostante.
L'ampia parte vetrata trasparente evidenzia l'innesto tra il nuovo volume e l'edificio preesistente.
La nuova sede ospita un centro fisioterapico con piscina e ambulatori medici.
Parco degli Angeli Pesaro (PU).
Verde residenziale.
Il progetto riguarda il recupero degli edifici e degli spazi aperti del complesso dell'Ex Carcere Minorile di Pesaro precedentemente occupati dalla chiesa di Santa Maria degli Angeli e da un ex convento trasformato nel '900 in Carcere Minorile.

Il progetto del verde segue l'andamento est-ovest dei percorsi con un “fiume verde” di piante perenni e arbusti da fiore che attraversa l'area.

In particolare la grande aiuola centrale è pensata come un pattern costituito da una dozzina di specie vegetali che con l'alternarsi delle fioriture cambiano lo scenario del parco sottolineando le stagioni e mantenendo l'interesse del giardino per tutto l'arco dell'anno.

Una serie di alberature completa lo schema rafforzando la struttura reticolare dell'impianto urbanistico.

267.jpegimg_20180925_152022.jpegimg_20190410_131742.jpegimg_20170705_161529.jpeg14.il%20portico%20di%20collegamento%20con%20la%20città.jpeg8.vista%20del%20fiume%20verde%20sullo%20sfondo%20l'edificio%20residenziale.jpeg2.il%20pattern%20del%20fiume%20verde.jpegimg_20190617_103631.jpeg
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder